RoglianoWeb

Progetto di internazionalizzazione dell’artigianato locale

Botteghe e prodotti artigianali calabresi con un click consegnate direttamente a casa degli acquirenti grazie ad Amazon. Sogno? No, è proprio realtà. Vasi, vetri, gioielli, oggetti in ferro battuto, ma anche tessuti e molto altro, tutto nell’universo sconfinato del più grande colosso mondiale dell’e-commerce americano.
Regione Calabria e Amazon Italia, infatti, hanno avviato il progetto per l’internazionalizzazione dell’artigianato calabrese. La collaborazione tra l’ente e il colosso mondiale dell’e-commerce è stato presentato questo pomeriggio nella sede della Regione a Catanzaro. Il progetto consiste nell’inserire le aziende di artigianato calabresi, che vorranno aderire all’iniziativa, direttamente sulla piattaforma marketplace di Amazon per un breve periodo di tempo gratuitamente, consentendo a chiunque nel mondo di visitare il negozio virtuale dell’azienda ed acquistarne il prodotto.
“Vogliamo restituire all’artigianato calabrese – ha dichiarato l’assessore allo Sviluppo economico e promozione delle attività produttive, Carmen Barbalace – il suo carisma da protagonista. La nostra tradizione oggi per certi versi è andata persa proprio perché l’artigianato non è stato valorizzato come si dovrebbe. Per questo motivo abbiamo individuato, attraverso una ricerca capillare sul territorio, e convinto a partecipare a questo evento un numero consistente di aziende”.
All’incontro, un seminario formativo, hanno partecipato circa 60 aziende artigiane e 38 Comuni. Dai maestri liutai ai vasai, ma anche gli orafi calabresi, per loro una vera e propria occasione per mettere le botteghe online sul sito di Amazon nella parte dedicata al Made in Italy.
“La Regione – ha spiegato Carmen Barbalace – sarà il mezzo per gli artigiani per sviluppare il progetto e decidere dopo il periodo gratuito se continuare l’esperienza direttamente con Amazon”.
Ad illustrare le opportunità dell’azienda leader anche in Italia nella vendita online, il team stesso di Amazon Italia: Franco Spicciarello (Senior public policy manager), che ha descritto l’azienda e le sue opportunità, e Sara Caleffi (Senior manager marketplace) che ha parlato della sezione Made in Italy.
La Calabria, inoltre, se dovesse raggiungere il numero di 50 aziende iscritte alla piattaforma potrebbe essere la terza regione italiana, dopo Toscana e Sardegna, ad ottenere la sezione “Made in Calabria” sul sito, “obiettivo – ha concluso l’assessore – che consentirebbe all’artigianato locale di mettersi in vetrina sul mondo e rappresenterebbe un’occasione di rilancio”.
FONTE: www.strill.it

Servizio a cura dell’emittente RTC TELECALABRIA

Lascia un commento